Dott.ssa Maria Cristina Gori - Psicologa e Criminologa

Dott.ssa Maria Cristina Gori - Psicologa e Criminologa

Dott.ssa Maria Cristina Gori - Psicologa 

 

La Dott.ssa Maria Cristina Gori è una Psicologa iscritta dal 1997 all’Albo degli Psicologi del Lazio (sez. A n. 7249).

Ha maturato esperienze e competenze in diversi ambiti lavorativi pubblici e privati (Scuole, Dipartimenti di Salute Mentale, Istituti Penitenziari, Associazioni ed Organizzazioni) svolgendo attività di formazione, consulenza e sostegno psicologico.

Socia dell’Associazione Nazionale Stress e Salute (ANSES), si occupa di:

- Consulenza e sostegno psicologico individuale, di coppia e familiare

- Training Autogeno e Tecniche di rilassamento

- Valutazioni psicodiagnostiche (in ambito clinico, giuridico-forense e del lavoro)


 

Per contattare la Dott.ssa Maria Cristina Gori

335 56 01 198

mariacristina.gori@libero.it

Leggi di più sulla Dott.ssa Maria Cristina Gori - Psicologa a Roma

Laureata con lode in Psicologia presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, ho continuato il mio percorso formativo in ambito clinico e in quello giuridico-forense dove ho conseguito il titolo di Esperto Criminologo.

Nel corso degli anni ho approfondito diverse aree di interesse e ho maturato esperienze e conoscenze nel campo della psicologia clinica, giuridica, del lavoro e delle organizzazioni.

Ho trattato problematiche psicologiche e criticità legate a specifici contesti (scuola, asl, istituti penitenziari, luoghi di lavoro, ecc.) occupandomi di prevenzione e cura del disagio psichico, emotivo e relazionale.  

Ho competenze nell’uso di diversi strumenti di indagine funzionali alla valutazione psicodiagnostica di tipo clinico, giuridico-forense e nell’ambito delle risorse umane per la selezione e l’orientamento al lavoro.

Dal 2014, svolgo attività libero-professionale di Consulenza e Sostegno Psicologico individuale, di coppia e familiare. 

Con un approccio di intervento integrato e orientato all’obiettivo aiuto le persone a migliorare il proprio benessere personale e sociale attraverso la comprensione di sé e il potenziamento delle proprie risorse.

Utilizzo il Training Autogeno e Tecniche di Rilassamento per la gestione dello stress e la prevenzione di disagi psicofisici.

Mi occupo di: 

- Disturbi d’ansia (fobie, ansie, attacchi di panico)

- Stress/disagio lavorativo

- Disturbi dell’Adattamento

- Situazioni di crisi associate ad elevata sofferenza emotiva (per separazioni, lutti, malattie)

- Conflitti e problematiche nelle relazioni di coppia, familiari, amicali o professionali 

- Cambiamenti o difficoltà decisionali su tematiche emotivamente importanti (famiglia, lavoro, ecc.) 

- Supporto alla genitorialità 

- Adolescenza 

- Criticità inerenti performances individuali e/o nel perseguire i propri obiettivi

- Crescita Personale: Gestione dello Stress- Gestione delle Emozioni- Gestione dei Conflitti- Scelte e Cambiamenti- Assertività- Autostima- Comunicazione efficace- Miglioramento delle relazioni interpersonali- Potenziamento delle risorse individuali.

Ricevo presso lo studio polispecialistico PsyMed ubicato nella zona di Roma Trastevere ed effettuo anche interventi di consultazione psicologica a domicilio.

Giovedì, 10 Febbraio 2022 16:02

L’importanza della RESILIENZA

Resilienza è una parola che ricorre frequentemente da quando è scoppiata la pandemia da Covid-19; la ritroviamo anche nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR o Recovery Plan) stilato dal Governo. Ma cos’è esattamente e perché è diventata così importante in questo periodo?

Il termine resilienza per come ha iniziato ad essere usato in psicologia è in realtà una metafora di un fenomeno misurabile in fisica, ovvero dell’attitudine di un corpo a resistere senza rotture in seguito a sollecitazioni esterne brusche o durature di tipo meccanico. I materiali vengono definiti resilienti se, dopo essere stati sottoposti a schiacciamento o deformazione, ritornano alla loro forma iniziale.

E in ambito psicologico cosa vuol dire essere resilienti?  

Significa saper affrontare gli eventi stressanti o traumatici, significa piegarsi piuttosto che spezzarsi se sottoposti a pressione, perseverando e adattandosi nell’affrontare le sfide; vuol dire attingere dalle proprie risorse per riprendersi e crescere dopo una crisi.

La resilienza è, in sintesi, tutto ciò che ci serve per sopravvivere a adattarci alle avversità in un mondo stressante ed estremamente complesso.

E noi? Quanto ci sentiamo resilienti? Cosa significa per noi essere resilienti? Da dove viene la nostra resilienza?

La resilienza non è un tratto stabile e immodificabile della personalità ma è qualcosa che chiunque può apprendere, migliorare e sviluppare.

La resilienza inoltre non è una caratteristica presente per tutta la vita: anche per le persone dotate di qualità resilienti possono esserci dei momenti e delle situazioni troppo pesanti da sopportare. Essere resilienti, infatti, non significa essere individui invulnerabili, inaccessibili alle emozioni o alla sofferenza; significa avere le risorse per riuscire ad affrontare le difficoltà o gli stress senza farsi sopraffare.

Ognuno di noi, con l’aiuto di un esperto, può mettere a punto un proprio piano di costruzione della resilienza per acquisire o sviluppare quelle risorse necessarie ad affrontare e superare le avversità e per riuscire, di conseguenza, a riorganizzare positivamente la propria vita.

Perciò ricordando che ciascuno di noi può sempre imparare e cambiare, proviamo a migliorarci!

Gli utenti di solito fanno richiesta di consulenza psicologica per:

  • affrontare situazioni problematiche che non sanno come gestire e che riguardano diversi ambiti (personale, familiare, evolutivo, pedagogico, professionale, ecc.). Le difficoltà, i dubbi, la crisi, le frustrazioni e le preoccupazioni creano disagio e le persone sentono che le proprie capacità di agire e di pensare in modo efficace sono bloccate o compromesse.
  • Riappropriarsi di opportunità perdute e potenzialità non usate. Oltre a situazioni problematiche le persone sono spesso in difficoltà perché non usano le opportunità o non sfruttano le potenzialità a loro disposizione.

In generale, chi si rivolge allo psicologo per una consulenza psicologica (sia esso individuo, coppia o organizzazione) “avverte, anche se spesso in maniera confusa ed imprecisa, una sorta di discontinuità tra la propria capacità di agire per il raggiungimento di un obiettivo e tale obiettivo, ovvero lo scopo verso il quale l’azione è diretta” (M. Grasso, S. Salvatore, 1993).

Lo scopo della consulenza psicologica è quello di sostenere, motivare, abilitare o riabilitare la persona all’interno della propria rete affettiva, relazionale e valoriale, al fine anche di esplorare difficoltà relative a processi evolutivi o involutivi, fasi di transizione e stati di crisi anche legati a cicli di vita, rinforzando capacità di scelte, di problem solving o di cambiamento (CNOP, Atti Tipici e Riservati della Professione Psicologica: la Competenza del Counseling 20/06/2020).

La relazione di consulenza è collaborativa. L’utente impara ad aiutare se stesso e l’operatore ha la funzione di “facilitatore” dei processi perché accompagna e facilita l’utente nel raggiungimento dei propri risultati.

L’intervento del professionista sarà efficace, infatti, nella misura in cui gli utenti, dopo l’interazione con lui, sono in grado di gestire le situazioni problematiche o sanno come usufruire di risorse fino allora non usate o sono in grado di usare opportunità per vivere in modo efficace e funzionale.

Consulenza e Sostegno psicologico

I vantaggi per l’utente che effettua un percorso di consulenza “efficace” sono:

  • essere accolto, ascoltato e supportato all’interno di uno spazio di relazione;
  • riflettere e condividere tematiche personali ed emotivamente rilevanti;
  • confrontarsi con i propri sentimenti e conflitti interiori;
  • essere aiutato nella definizione e valutazione del problema e delle sue implicazioni nel più ampio contesto di vita personale e di relazione (esplora e chiarisce);
  • scoprire prospettive diverse che consentono di attribuire un nuovo senso e significato al problema;
  • fare ordine e chiarezza su ciò che vuole, stabilendo priorità e obiettivi concreti e realistici;
  • essere supportato nell’individuazione di strategie di azione adatte al raggiungimento dei propri obiettivi;
  • scoprire modalità di comportamento più funzionali e correttivi efficaci per il cambiamento;
  • superare l’immobilismo decisionale;
  • acquisire un senso di valore personale e di benessere quando raggiunge il proprio obiettivo di migliorare e acquisire competenza e abilità nell’affrontare i problemi;
  • avere l’opportunità di conoscere, crescere e cambiare partendo da una situazione negativa e di crisi;
  • migliorare la qualità della propria vita personale, di relazione e sociale.

La consulenza richiede un numero definito di incontri e può evolvere, se necessario, in un percorso di sostegno psicologico o di psicoterapia.

Se desideri maggiori informazioni contatta la Dott.ssa Maria Cristina - Psicologa a Roma

Segui PsyMed Roma Centro Polispecialistico Area Psicologica e Medica