AIUTO: Mio figlio si droga!

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Dott.ssa Claudia Agostino – Psicologa Psicoterapeuta

Esperta in Dipendenze Patologiche

Dottoressa la chiamo perché mio figlio ha dei comportamenti strani: non lo riconosco più, è chiuso, scostante, sembra rallentato oppure a volte ha delle reazioni esagerate di rabbia. Ho scoperto che fa uso di stupefacenti e a volte è tornato a casa sconvolto di alcol. Cosa posso fare per aiutarlo?”

Quando le droghe entrano nella vita familiare delle persone sembra che qualcosa si rompa per sempre: tutto sembra crollarci addosso e abbiamo la sensazione di vivere un incubo. Le giornate sembrano susseguirsi come in un vortice fatto di paura, bugie, malumori, confusione e disorientamento. Spesso domina una opprimente sensazione di impotenza, di angoscia e paura per quello che potrebbe succedere in casa e fuori.

L’immagine della tossicodipendenza di un familiare evoca nella fantasia delle persone scenari nefasti e terrificanti, di fronte ai quali sembra che l’unica soluzione si la coercizione a subire cure restrittive oppure l’accettazione passiva della situazione.

La dipendenza da sostanze stupefacenti è una vero e proprio quadro clinico, riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come malattia cronica recidivante.

Quindi è importante intercettare i primi segnali di disagio e chiedere tempestivamente aiuto a servizi e strutture specializzate, che possano garantire una diagnosi ed un trattamento ad ampio raggio.

 

Quali sono i campanelli di allarme a cui un genitore deve prestare attenzione?

  • Sintomi fisici insoliti e non correlabili a specifiche patologie mediche (mal di testa, sintomi gastro-intestinali, ecc)
  • Rapidi cambiamenti del tono dell’umore e dei comportamenti
  • Alterazione del ritmo sonno-veglia
  • Alterazione delle abitudini alimentari
  • Tendenza a nascondersi, camuffarsi, alterare la realtà e dire bugie; frequentazioni amicali insolite o atteggiamento evitante e poco chiaro rispetto a queste
  • Isolamento sociale e chiusura in casa, oppure atteggiamento di estrema socievolezza e voglia di evadere, trascorrendo molto tempo fuori casa
  • Perdita d’interesse per le attività usualmente svolte
  • Compromissione delle relazioni sociali ed amicali
  • Compromissione della sfera scolastica e lavorativa
  • Comportamenti antisociali (piccoli furti, truffe, estorsioni, ecc)
  • Fermi da parte delle forze dell’ordine

 

Cosa fare se tuo figlio assume droghe? 

  • Non sottovalutare i campanelli di allarme, anche se questo ci provoca angoscia e disorientamento
  • Confrontarsi con gli altri familiari e discutere insieme su come affrontare il problema
  • Evitare atteggiamenti rigidi, intransigenti ed espulsivi nei confronti del ragazzo che sta manifestando il disagio: la tossicodipendenza è una MALATTIA e NON un VIZIO
  • Far sentire al ragazzo la nostra preoccupazione e la nostra vicinanza con atteggiamenti di calda accoglienza, ma allo stesso tempo fermi e decisi a chiedere un aiuto professionale
  • Contattare i servizi territoriali deputati alla diagnosi e cura delle dipendenze patologiche come il SerD di appartenenza e/o a strutture specializzate del privato sociale (una delle più accreditate è la Fondazione Villa Maraini di Roma, un vero e proprio “ospedale” per le dipendenze aperto H24 tutti i giorni dell’anno)
  • Qualora ci si sentisse disorientati e spaventati rispetto a questo, chiedere sostegno al proprio medico di famiglia o psicologo di fiducia
  • Seppure il ragazzo non volesse contattare i servizi, i familiari possono comunque chiedere aiuto presso i servizi pubblici e del privato sociale

Se desideri maggiori informazioni o  chiedere una consulenza o una supervisione (per i colleghi professionisti) per problematiche connesse all’abuso di sostanze stupefacenti e alcol, al fine di fare una valutazione rispetto al caso e al tipo d’intervento da proporre puoi chiamarmi al 338 19 60 871 o inviarmi un messaggio usando il form a destra. In alternativa puoi contattarmi tramite lo studio multiprofessionale PSYMED di Roma.

Dott.ssa Agostino Claudia Psicologa Psicoterapeuta

www.claudiaagostino.it/ | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contact Details

  • Mobile
    +393381960871

Social Profiles

Contatta Claudia Agostino.

Per contattare la Dott.ssa Claudia Agostino – Psicologo e Psicoterapeuta a Roma chiama al cell. 338 19 60 871

o invia un messaggio usando il form sotto

Segui PsyMed Roma Centro Polispecialistico Area Psicologica e Medica